31/12/2020

I 5 MOMENTI TOP DI BELLATOR NEL 2020 SECONDO BIG JOHN MCCARTHY

Il mitico arbitro ed ora commentatore televisivo ha scelto i 5 incontri più belli dell’anno

Il leggendario Big John McCarthy, considerato il padre del regolamento delle MMA moderne ed oggi commentatore di Bellator per la CBS, in una intervista a Sky Sports ha indicato quelli che per lui sono stati i “momenti top” della nostra promotion nel 2020.

1. Bellator 253

AJ McKee sale a quota 17-0 (tutti match in Bellator) con la sua finalizzazione ormai diventata virale sul web ai danni di Darrion Caldwell e qualificandosi per la finale del World GP Pesi Piuma.

Secondo Big John “AJ KcKee è molto maturato, ora è un fighter completo. La finalizzazione che ha sfoderato contro Darrion Caldwell non si era quasi mai vista e lui invece l’ha fatta sembrare facile”.

2. Bellator 244

Vadim Nemkov vince per TKO al secondo round contro Ryan Bader e diventa campione dei Massimi Leggeri.

McCarthy ha detto di “non essere sorpreso dal risultato. Io pensavo che Bader dovesse rimanere nei Massimi. Nel tempo abbiamo visto che i migliori Massimi sono quelli che non si devono preoccupare troppo del peso. Gente come Fedor Emilianenko o Randy Coutures...perché sono più veloci, più elusivi e possono durare più a lungo. Affrontano atleti nei Massimi che sono un po’ più lenti di loro e Vadim Nemkov è il futuro nei Massimi Leggeri. È forte su ogni piano. Può lottare e sottomettere ma ha anche un grande striking”.

3. Bellator 244

Sidney Outlaw e Adam Piccolotti danno un saggio di combattimento a terra nei Leggeri e Outlaw vince per split decision.

“Ragazzi – dice Big John - se amate il combattimento a terra e le transizioni questo è un match che vi dovete guardare. Il padre di Outlaw era un pugile professionista e per questo lui ha cominciato la carriera come striker ma poi è diventato un grappler, un grande grappler, allenandosi da Renzo Gracie a New York. Ha combattuto con Adam Piccolotti, una nera di Brazilian jiu jitsu, un altro fighter con un grande grappling, sapevo che sarebbe stato un bel incontro ma quello che poi abbiamo visto…Josh Thompson (ex campione Strikeforce, nera di BJJ ed ex college wrestler, oggi commentatore per Bellator NDR) ha detto che “sembravano 2 furetti che lottavano e non sapevi mai chi avrebbe preso la posizione di controllo”. Una prestazione straordinaria di entrambi gli atleti e per chi ama la complessità delle MMA, il combattimento in piedi insieme a quello a terra, quello è il match per lui”.

4. Bellator Paris/Bellator 248

C’è stato un debutto da ricordare nei Leggeri, il Ko di Yves Landu ai danni di Terry Brazier con una spettacolare ginocchiata saltata.

Secondo Big John “Yves Landu è un atleta fantastico, è uno che fa parkour. Sono incredibili il suo equilibrio e la sua capacità di fare cose impossibili per gli altri. Si prende grossi rischi che a volte lo ripagano mentre altre lo mettono in pericolo. L’ho detto durante la telecronaca e lui ha sfoderato una ginocchiata saltata con sforbiciata ed ha centrato perfettamente la mascella di Terry Brazier un 2 volte campione in Cage Warriors, un fighter veramente forte”.

5. Bellator 254.

Shamil Nikaev batte Kemran Lachinov ai punti.

“Avevo visto Nikaev combattere in Russia – dice Big John – e sapevo che era davvero bravo ma se c’è un fighter che non aveva ricevuto la considerazione che meritava questo era Lachinov. È bravo, duro come l’acciaio e forte a terra. Sapevo quindi che sarebbe stato un ottimo incontro ma alla fine è stata una guerra di logoramento. Nel terzo round abbiamo visto entrambi combattere a guardia bassa, schivando e sferrando colpi. Non usavano difese, l’unica difesa era “colpisci la parte alta della mia testa invece del mento”. È stato un match spettacolare”.