13/12/2018

BELLATOR 213: BELLATOR GOES TO HAWAII

La grande card di fine anno di Bellator MMA da non perdere in diretta su DAZN

L'appuntamento di Bellator 213 che si terrà alla Blaisdell Arena di Honolulu, Hawaii, a è il più prestigioso show di fine anno e sarà trasmesso in Italia in esclusiva su DAZN in diretta dalle ore 4 nella notte tra sabato 15 e domenica 16 Dicembre e resterà poi disponibile on demand sulla piattaforma con il commento di Alex Dandi e Chiara Soldi.

Per l'occasione Bellator si trasferisce alle Hawaii e nel main event non poteva che esserci una delle stelle hawaiane di Bellator, ovvero la prima ed unica campionessa pesi mosca Ilima-Lei Macfarlane (8-0 MMA, 7-0 BMMA) che metterà in palio non solo la cintura al limite dei 57 kg ma anche la sua imbattibilità, vantando infatti un record perfetto di 8 vittorie e nessuna sconfitta.

La Macfarnale ha conquistato la cintura inaugurale della divisione sconfiggendo Emily Ducote il 3 Novembre dello scorso anno per "triangle armbar" e l'ha successivamente difesa il 29 Giugno di quest'anno contro Alejandra Lara per "armbar", confermando il suo brazilian jiu-jitsu di alto livello, testimoniato da una cintura marrone alla 10th Planet Jiu Jitsu del noto maestro Eddie Bravo ed ulteriormente comprovato dalle ben 6 vitttorie su 8 per submission da professionista.

A 28 anni Ilima-Lei si trova quindi sul tetto del mondo delle MMA femminili ma è alla vigilia del match più importante e difficile della sua carriera perché sabato, nelle sue amate Hawaii, affronterà la trentacinquenne veterana canadese Valerie Letourneu, la quale può vantare il doppio dei match da professionista rispetto alla campionessa in carica. 



Valerie Letourneau (10-6 MMA, 2-0 BMMA) ha debuttato da professionista nelle MMA nel 2007 e si è fatta strada a suon di vittorie ai piani alti nelle MMA mondiali, arrivando anche a sfiorare la conquista del titolo pesi mondiale pesi paglia. 


Dal momento del suo approdo in Bellator la Letourneau ha reso immediatamente noto di essere determinata a conquistare il titolo. Dalle dichiarazioni sono seguiti i fatti. Con due convincenti vittorie ai danni di Kate Jackson, nel Dicembre 2017, e di Kristina Williams, nel Giugno di quest'anno, si è infatti velocemente consolidata come prima indiscussa contendente.

Da una parte il grappling eccellente della Macfarnale, dall'altra l'esperienza e la completezza della Letourneau, rendono questo match difficile da pronosticare ma, comunque vada, sarà un match cruciale per la costruzione della "legacy" della divisione peso mosca femminile.

Nel co-main event l'attesa per il debutto in Bellator del leggendario "Dragone" Lyoto Machida (24-8 MMA, 0-0 BMMA) contro l'ex campione pesi medi Rafael Carvalho (15-2 MMA, 6-1 BMMA) è spasmodica.



A 40 anni Machida, dopo aver dominato le MMA mondiali nei massimi leggeri, ha reso chiaro di puntare al titolo mondiale Bellator e senza perdere tempo ha subito accettato il match con il trentaduenne ex campione pesi medi Rafael Carvalho.

Otto anni di età separano i due atleti ma Machida ha fatto sapere che pur non sottovalutando l'ex campione si sente più in forma che mai e che il suo obiettivo è puntare alla cintura pesi medi, attualmente nelle mani del trentatreenne olandese Gegard Mousasi (45-6-2 MMA, 3-0 BMMA).

Quella tra Machida e Carvalho sarà quindi di una sfida tra atleti brasiliani di altissimo livello, entrambi striker esplosivi e pericolosi, entrambi desiderosi di vestire una nuova cintura di campioni del mondo.
Un paio di numeri significativi: 12 sono le vittorie per KO di Carvalho, 10 le vittorie per KO per Machida. Numeri che parlano chiaro sulla capacità dei due di chiudere il match prima del limite.

Come noto Machida è fighter elusivo, per certi versi attendista, che ha fatto del suo shotokan karate adattato alle MMA, la sua arma migliore, grazie ad un timing molto singolare ed un counterstriking così esplosivo e preciso da renderlo leggendario. D'altro canto Carvalho ha mostrato le sue doti di artista del KO, anche davanti al pubblico italiano, mettendo KO due veterani come Melvin Manhoef ed Alessio Sakara.

In definitiva un match non solo lungamente atteso dai fan delle MMA ma anche un bel bivio per le carriere di entrambi.

Nella divisione massimi leggeri si scontrano il trentaseienne inglese Liam McGeary (12-3 MMA, 9-3 BMMA) ed il trentasettenne statunitense "King Mo" Muhammed Lawal (21-7, 1 NC MMA, 10-5 BMMA), due ex campioni del mondo Bellator alla ricerca di riscatto, dove il vincente potrebbe essere velocemente proiettato nuovamente nello scenario titolato.

McGeary ha iniziato ad allenarsi nelle MMA solo nel 2009, senza alcun background negli sport da ring o nelle arti marziali, ma nel giro di pochi anni, grazie ad un talento innato e tanto duro lavoro, ha scalato i ranking mondiali, vincendo prima il torneo massimi leggeri Bellator e poi il titolo mondiale quando, il 27 Febbraio 2015 ha sconfitto ai punti Emmanuelle Newton.

La difesa del titolo con il leggendario Tito Ortiz, terminata con una spettacolare "inverted triangle choke" a favore del campione ne ha consolidato la status e ne ha amplificato la fama. 


Ora il match contro King Mo risulta però cruciale per andarsi a riprendere quella cintura persa nel Novembre 2016 contro Phil Davis e poi passata nelle mani dell'attuale campione Ryan Bader, impegnato momentaneamente nella finale del torneo pesi massimi.

"King Mo", dopo le ultime vittorie ai danni di atleti di veterani fuoriclasse come Quinton "Rampage" Jackson e Satoshi Ishii, ma anche dopo la sconfitta subita da Ryan Bader, vuole tornare ad essere rilevante e battere McGeary è fondamentale per il rilancio delle sua carriera.

Sarà uno scontro tra veterani Bellator che per molti fan è un autentico "dream match".

Grande attesa anche per la battaglia tra lottatori imbattuti nei pesi welter tra il ventinovenne brasiliano Neiman Gracie (8-0, 6-0 BMMA) ed il ventottenne americano Ed Ruth (6-0, 6-0 BMMA) in un match valido per i quarti di finale del torneo pesi welter, il cui vincente si aggiudicherà un premio di un milione di dollari.


Neiman, atleta di quarta generazione della leggendaria famiglia Gracie, si affida ovviamente un brazilian jiu jitsu stellare, il quale non solo gli ha permesso di vincere numerose medaglie di livello mondiale, ma gli ha anche garantito fino ad oggi la sua imbattibilità.

Ruth, è invece un alfiere della "lotta a livello college", ovvero il "folkstyle wrestling", dove ha vinto tre titoli nazionali NCAA, e della lotta libera dove ha rappresentato gli Stati Uniti alle competizioni mondiali del 2014 e del 2015. 


La differenza tra i due è che Ed, pur utilizzando il suo wrestling sia in fase offensiva che difensiva, ama scambiare anche in piedi, e non a caso 5 delle sue 6 vittorie sono giunte per KO/KO tecnico, mentre Neiman è particolarmente abile nel portare il match sul terreno della lotta a terra, dove ha collezionato otto vittorie, tutte rigorosamente per submission.


A aprire la main card, per fare gli onori di casa, penseranno due giovanissimi e promettenti pesi welter hawaiani, Nainoa Dung e Kone Oliveira, rispettivamente di 19 e 20 anni, entrambi con un solo match vinto da professionisti ed entrambi con il sogno di farsi notare dalla dirigenza Bellator.