15/09/2020

BELLATOR 245 E 246, L’ANALISI

I match del week end appena passato visti dal fighter e blogger Alessio Ciurli

Questa settimana per i nostri consueti commenti post evento abbiamo dato campo libero ad Alessio Ciurli, fighter pro, firma di mma24.it e grande amante di Bellator. Ecco il suo contributo.

Direi intanto che la promotion è tornata a pieno regime e che sta allestendo grandi eventi.

Venendo all’analisi del week end appena trascorso partiamo da Bellator e da un volto conosciuto in Italia Rafael Carvalho. Match combattuto il suo contro Alex Polizzi ma alla fine dei tre round è stato l’americano ad avere la meglio portando l’ex campione dei middle weight a quota due sconfitte consecutive. Un passaggio ai 93 kg il suo che per ora non ha portato bene per l’ex campione

Altro match finito ai punti ma a senso unico è stato quello di Cat Zingano. Un camp il suo molto incentrato sul judo sotto la guida di Justin Flores che ha portato moltissimi miglioramenti nel controllo e nelle proiezioni. Soprattutto ha evidenziato meno fatica nell’eseguirle.

Taylor Johnson ha stupito finalizzando in soli 59 secondi con una heel hook il forte wrestler ex nazionale Ed Ruth.

Raymond Daniels vs Peter Stanonik è finito invece con un no contest anche se a parer mio ci stava la squalifica di Daniels. Un colpo basso accidentale può capitare, due e pure tirati allo stesso modo no.

E arriviamo al clou della serata, Davis vs Machida 2. Match molto equilibrato e vinto da Davis per split decision, non mi sarei quindi stupito più di tanto se il verdetto fosse andato a vantaggio del brasiliano dal quale sinceramente mi aspettavo sinceramente qualcosa di più. In ogni caso ottima prestazione di entrambi.

Passando a Bellator 246 Archuleta vs Mix inizierei da Diggs vs Campos. Il primo, imbattuto a quota 8-0, ha fallito il peso di 2 libbre ma non fallito dentro la gabbia. Il match è stato molto combattuto, con Diggs sempre leggermente in vantaggio anche grazie alla sua forza forza fisica che gli ha permesso di finalizzare Campos nel terzo round con un rear neck choke .

Il secondo match della main card era Carmouche vs Bennett ed è stata la veterana UFC ad avere la meglio sempre per rear neck choke e sempre al terzo round dopo però una seconda ripresa a dire il vero un po’ sofferta.

Nel co-main event Fitch vs Gracie abbiamo visto il veterano UFC ed ex campione WSOF partire molto bene con uno striking composto e portando l’avversario alla gabbia. Dopo aver subito un take down ha cominciato però ad avere serie difficoltà con il Bjj di Gracie. Difficoltà che si sono concretizzate nel secondo round con la knee bar che ha permesso a Neiman di aggiudicarsi il match. Fitch ha poi annunciato il suo ritiro a 42 anni, salutiamo quindi una leggenda di questo sport che avevamo anche intervistato noi di mma24.it.

Il main event Archuleta vs Mix è stato un bel match, combattuto fino alla fine, con Mix che è partito benissimo dominando a parete e con il wrestling gli errori nello striking di Archuleta. “The spaniard” però non si è fatto sfiancare e dimostrando un cardio spaventoso ha rimontato con uno striking e un footwork di primissimo livello vincendo così la cintura proprio alla vigilia del suo compleanno. Un regalo più bello non poteva farselo.