28/11/2018

PRESENTAZIONE ZAHE VS TOSCANO

Il derby d'Italia sull'asse Milano - Torino, a Bellator kickboxing Genova

L’unico match tra due italiani nella Main Card di Bellator Kickboxing XI sarà la sfida tra il torinese Christian Zahe ed il milanese Samuel Toscano.

Zahe, in forza alla thai boxe Torino del Maestro Carlo Barbuto, è un veterano del ring con alle spalle ben 113 match tra muay thai, K1 e pugilato che gli hanno fatto cumulare uno score di 70 vittorie (18 ko), 30 sconfitte e 13 pareggi. In carriera ha cumulato anche vari titoli: Campione del Mondo di K1 WKN e WKS, Campione del Mondo di muay thai WPMF e campione del kawila Stadium di Chang May in Tailandia.

Toscano, della DeGym del Maestro Diego Calzolari, ad oggi ha combattuto quasi esclusivamente nella muay thai cumulando un record di 42 match con 28 vittorie (12 per Ko), 11 sconfitte e 3 pareggi. Da pro ha vinto la cintura di importanti promotion come la Phoenix muay thai in Francia e Ring War in Italia oltre al titolo italiano pro Italiano FIKBMS. Da dilettante si è invece laureato una volta Campione del Mondo e due volte Campione d’Italia WFC.

Mentre completano la loro preparazione li abbiamo raggiunti per porgli alcune domane:

Entrambi si dicono elettrizzati di poter salire sul ring di Bellator. “Il più grande evento in cui abbia mai combattuto” dice Zahe, mentre Toscano dice “sono entusiasta, spero di farmi notare in una organizzazione che è al top nel Mondo”.

Per non sprecare questa grande occasione entrambi hanno preparato il match nei minimi dettagli. Zahe dice di aver visto solo qualche breve video del suo avversario ma di ritenerlo “un ottimo atleta, che viene da una palestra di alto livello. Tecnicamente è un thai boxer puro. Io invece ho più esperienza in match con regole come quelle di Bellator, bisognerà vedere come saprà adattarsi. Sarà comunque un bel match, difficile per entrambi”.

Toscano ha invece studiato a lungo il suo antagonista, grazie all’ampia disponibilità di video su di lui. “Lo conosco bene – ci dice- è più esperto, molto mobile, con una tecnica molto pulita, si muove tanto usando molto le gambe per colpire, tiene sempre un ritmo alto e porta tanti colpi. Di conseguenza mi sono preparato per tenere anch’io un ritmo elevato e soprattutto per adattarmi alle regole Bellator avendo io fatto prevalentemente muay thai fino ad oggi”.

Entrambi si dicono poi convinti che presto Bellator potrà definitivamente superare tutte le altre promotion ed apprezzano molto la scelta di proporre match di MMA e Kickboxing nella stessa serata. Secondo Toscano “permette al pubblico di scoprire una disciplina che magari non conosce e certamente porta più pubblico e quindi più risonanza all’evento”. Zahe invece vorrebbe che questi eventi fossero addirittura allargati anche ad altre discipline come la boxe e la muay thai tradizionale.