15/08/2019

STEFANO PATERNÒ COMBATTERÀ A BELLATOR MILANO

Il giovane talento milanese se la vedrà con l’inglese Galore Bofando

Il mondo delle MMA italiane lo chiedeva a furor di popolo ed è stato accontentato. Il 12 ottobre a Milano esordirà in Bellator Stefano Paternò.

Negli ultimi due mesi, nelle varie interviste a giornalisti e blogger realizzate per il nostro sito, tutti hanno sempre citato quello di Paternò al primo posto nella lita degli atleti italiani che avrebbero voluto veder combattere a Milano. Tutti, come del resto tanti fans sui social, si chiedevano come fosse possibile che un atleta del suo livello non fosse ancora sotto contratto con una top promotion mondiale. Ora le loro aspettative sono state esaudite.

Stefano Paternò, atleta di punta dell’MMA Atletica Boxe Milano del M° Garcia Amadori, compirà 24 anni il prossimo 18 agosto ma combatte da pro da quando ne aveva 17 ed ha già alle spalle un curriculum di assoluto valore internazionale. Ha infatti già combattuto 16 volte da professionista ottenendo 12 vittorie (8 per Ko e 3 per finalizzazione). L’unico pari è dell’ottobre 2017 contro un altro fighter Bellator, Giorgio Pietrini. È stato campione Cage Warriors e Italian Cage Fighting nei Pesi Welter. Vanta vittorie su gli ex UFC Cody McKenzie e John Maguire (entrambe per Ko al primo round), l’UFC e Bellator fighter Danilo Belluardo e gli italiani di Bellator Andrea Fusi ed Alessandro Botti.

Come suo avversario i match maker della promotion hanno selezionato l’inglese Galore “the paranormal” Bofando. Atleta della rinomata London Shootfighters è professionista da 9 anni ed ha cumulato uno score di 6 vittorie (4 per Ko e 2 ai punti) e 3 sconfitte, due delle quali per squalifica dopo aver colpito con una ginocchiata l’avversario a terra. Una scorrettezza particolarmente odioso e pericolosa che ci auguriamo non voglia ripetere a Milano. Per il resto, a fronte dei relativamente pochi match disputati la sua è una carriera di tutto rispetto avendo combattuto in UFC ed avendo vinto al suo esordio in Bellator.

Prima di darsi alle MMA ha combattuto con notevole successo nel taekwondo e nel point fighting, disicpline dalle quali attinge il suo marchio di fabbrica, ovvero grande velocità e precisione nei calci, anche quelli più difficili e scarsamente usati come i girati a 360 gradi alla testa, con i quali è stato capace anche di un Ko.