21/06/2019

L’ANALISI DELLA STAMPA - Parte II

BELLATOR LONDON Vi riproponiamo l’ormai consueto giro di opinioni con i più importanti commentatori di MMA italiani.

E di Alessandro Botti così ci parla Massimiliano Rincione di Fox Sport. “Botti arriva all’incontro più importante della sua carriera nel quale, nonostante la sconfitta, ha dimostrato un’evoluzione tecnica ed uno striking allucinanti. Brazier sarà sicuramente più pesante di Alessandro al momento di entrare in gabbia ed userà il suo striking per portarlo alla gabbia e poi proiettare. Attenti però a non sottovalutare il grappling del nostro porta bandiera. Ricordiamoci che ha finalizzato Derrick Kennington una cintura nera di BJJ. Non azzardo un pronostico ma Alessandro ha tutte le carte in regola per vincere e comunque sia credo che il match finirà prima del limite.

A parte questo match penso che potrebbe essere la card più bella dell’anno per nomi sia tra le star sia tra i giovani emergenti. Ad esempio credo che sarà uno dei match più belli dell’anno non per Bellator ma per le MMA mondiali quello tra Mousasi e Lovato. Mousasi ha sofferto fin qui in Bellator, soffre il game plan degli avversari. Lovato è un grande del bjj ed ha comunque uno striking buono anche se non ai livelli del suo avversario, può però portare a casa il match.

Torna poi in gabbia Kauppinen contro un veterano come Manohoef. Credo che l’inglese possa fare il colpaccio perché ha dimostrato di avere un pugno potentissimo, basti dire che nei massimi leggeri Sakara non lo aveva mai messo giù nessuno e prima di affrontare il legionario aveva fatto barcollare Fabian Edwards che a tutt’oggi resta imbattuto”.

A parere di Tudor Leonte di Sherdog e 4once.it “Il main event è davvero molto interessante con Mousasi favorito ma con un Lovato che si è guadagnato il match titolato con una serie di 9 vittorie di fila. A leggere le sue dichiarazioni crede molto nella possibilità di diventare campione ma per lui sarà dura. Non mi aspetto sorprese clamorose ma nelle MMA mai dire mai.

Sono molto curioso anche per il ritorno di Kauppinen per vedere se manterrà la sua fama di legend killer. Non mi stupirei di una sua nuova vittoria per Ko anche perché pochi sanno che è anche un pugile pro che arriva d adue vittorie consecutive nella boxe, l’ultima per Ko al primo round contro un avversario che aveva un record di 7-0. Sta combattendo molto coi guantoni, indice anche di grandissimi mezzi fisici. Da gennaio ad oggi è infatti salito sul ring ben 11 volte ed ha già un altro match programmato tra una settimana. Pazzesco.

Consiglio poi di seguire i match di Edwards (atleta molto promettente e grintoso, da noi purtroppo conosciuto per aver battuto Claudio Conti) e di Gallagher che spero riesca a staccarsi di dosso il cliché del “nuovo McGregor”.

Anche Daley Vs Silva è un match molto interessante. Sono due personaggi non molto amati dal pubblico per il loro giocare sporco. Daley deve riprendersi dalla sconfitta con Michael Page e avrà voglia di riscatto, anche perché se infila qualche vittoria può ambire a chiedere il match titolato. Silva credo invece che sia un classico esempio di talento persosi per strada. Sicuramente comunque un match spettacolare, mi aspetto molti capovolgimenti di scena.

E poi c’è il nostro Alessandro “the bad” Botti. Ha davanti l’occasione della vita ma anche forse il match più impegnativo della carriera. È vero che Brazier viene da una sconfitta per sottomisisone ma ha un record “vero” non costruito, ottenuto contro avversari di livello. Botti avrà bisogno di sfoderare una prestazione maiuscola per uscirne bene ma onestamente lo vedo sfavorito”.

A credere in Botti è invece Mirko Loreti, blogger, arbitro e giudice di MMA. “Alessandro ha accettato con poco preavviso, sarà dura ma sicuramente può vincere conoscendo il suo impegno e la sua passione. Potrebbe essere una nuova svolta per le mma italiane che adesso stanno vivendo un momento d’oro”.