09/11/2018

CHIUSA LA MAIN CARD DI KICKBOXING

Altri tre grandi match chiudono la main cardi di Bellator kickboxing XI Due match internazionali ed una sfida tutta italiana vedranno salire sul ring campioni come Christian Zahe e Gabriele “il magnifico” Casella

Gabriele “il magnifico” Casella è invece un atleta italiano dal ricco palmares noto anche fuori dal mondo della kickboxing. È apparso infatti varie volte con interviste su media mainstream e tiene una rubrica sul magazine Uomo&Fitness. Fighter poliedrico, ha combattuto in diverse categorie di peso e discipline da combattimento: Muay Thai, Full contact, Kick Boxing, K-1, Pugilato. Ha un record da pro di 18 vittorie, 2 sconfitte ed un pari ed è l'attuale Campione del Mondo W.A.K.O PRO di K1 e Campione del Mondo W.M.O. di muay thai. Impressionante il suo palmares da dilettante: un mondiale Juniores ed uno senior WAKO di K1, un Europeo WAKO di Full Contact, due titoli italiani di Muay Thai, un Bronzo ai Campionati Italiani Pugilato - Elite.

È un fighter completo ed è al suo secondo match in Bellator dopo la vittoria dello scorso luglio nella sua Roma contro Alex Negrea. Un altro successo lo proietterebbe verso il match per il titolo.

Il difficile compito di misurarsi con lui spetterà al tedesco Dani “Breezy” Traore. Ha alle spalle 24 match con 21 vittorie, ben 15 delle quali per Ko. È un atleta molto aggressivo che lavora molto di braccia ed ha uno stile di combattimento molto particolare. Pur usando di base la guardia ortodossa passa spesso alla guardia col destro avanti ed usa moltissimo la gamba sinistra per calciare, anche quando la sinistra è la gamba avanzata. Il tutto con grande efficacia essendo riuscito a mettere a segno anche un Ko con un high kick con la gamba sinistra avanzata.

Sarà invece una sfida tutta italiana quella tra Christian Zahe e Samuel Toscano.

Zahe è in forza alla thai boxe Torino del Maestro e pluricampione del Mondo Carlo Barbuto. Ha alle spalle 72 match da pro con 45 vittorie ed il titolo mondiale per le sigle WKN, WPMF e WKF. Ha combattuto in molti grandi eventi in Europa ed in Tailandia come Super Muay Thai e Thai Fight, affrontando atleti del calibro di Manachai, Changpuek MTA, PTT Petchrungrueng, Jimmy Vienot e Daniel Zahra. Usa molto i calci bassi, anche con la gamba sinistra avanzata.

Toscano arriva invece dalla De Gym di Diego Calzolari, personaggio storico della muay thai italiana. Ha un record pro di 28 vittorie, 12 pareggi e 3 sconfitte. Stilisticamente è un classico thai boxer, usa molto il low kick ed il clinch, arma quest’ultima che non potrà sfruttare con le regole Bellator.

Ad aprire la main card saranno invece Tiziano Campus ed il belga Younes Rahmouni.

Anche Campus è allievo di Shan Cangelosi e quindi combatterà in casa. È un mancino, aggressivo, che lavora soprattutto di boxe vantando pugni molto potenti. Il suo record di 24 vittorie in 30 match con 12 Ko la dice lunga sulla sua efficacia. Ha solo 23 anni ed una vittoria in un evento così prestigioso come Bellator potrebbe far decollare la sua carriera.

Rahmouni è, all’opposto, un atleta che punta tutto sulla mobilità ed i calci. È più alto di Campus e quindi è facile prevedere che cercherà di tenerlo a distanza. In carriera vanta 13 vittorie (4 per Ko), 4 sconfitte ed un pari.