30/07/2020

BELLATOR 243, ANNUNCIATI ALTRI 4 MATCH DELLA CARD

Il 7 agosto avremo Jury vs Karakhanyan, Millender vs Homasi, Borics vs Campos e Loureda vs Graff

Comincia a prendere corpo la card di Bellator 243 del prossimo 7 agosto a Uncasville nel Connecticut. Dopo il main event tra Michael Chandler e Benson Henderson ed il co-main tra Matt Mitrione e Timothy Johnson la promotion ha oggi confermato 4 combattimenti della main card. Cominciamo col parlare di Myles Jury contro Georgi Karakhanyan nei Pesi Leggeri e di Curtis Millender contro Sabah Homasi nei Welter.

Miles “fury” Jury, cintura nera di BJJ, ha iniziato le MMA a 14 anni e combatte da 15 cioè da quando ne aveva solo 17. Dopo aver vinto 6 match su 6 da dilettante è passato pro a 20 anni nel 2008 mentre nel 2012, tramite TUF, è entrato in UFC. In questa promotion ha disputato 12 match in 7 anni vincendone 8. In Bellator ha esordito nel settembre 2019 perdendo ai punti contro Benson Henderson mentre lo scorso febbraio si è imposto con verdetto unanime su Brandon Girtz. Complessivamente ha un record pro di 18-5 con 10 Ko e 3 finalizzazioni. Tra i suoi successi sono da segnalare quelli contro Michael Johnson, Ramsey Nijem, Diego Sanchez, Takanori Gomi and Rick Glenn

Anche l’armeno americano “gogo insane” Karakhanyan è nera di BJJ ed ha una grandissima esperienza nella gabbia. Combatte da 14 anni ed ha cumulato un record di 29-10-1-1 NC con 7 Ko e ben 15 finalizzazioni. Ad ulteriore prova della sua abilità a terra non è invece mai stato finalizzato. Ha combattuto in diverse promotion vincendo I tioli WSOF (oggi PFL) e Tachi Palace. Nella nostra promotion ha esordito nel 2010 a Bellator 13 battendo per Ko Bao Quach. È poi uscito e rientrato per ben 2 volte nella nostra organizzazione dove complessivamente ha raccolto 7 vittorie ed 8 sconfitte. L’ultimo rientro è del marzo 2019 e da allora ha disputato 3 match. Dopo 2 sconfitte con Emmanuel Sanchez (ai punti) ed AJ McKee (ko) lo scorso febbraio ha finalizzato Paul Redmond a Bellator 240.

Ugualmente “Curtious” (cortese) Millender (18-5 MMA con 6 Ko, 3-2 in Bellator con 2 Ko) è alla sua terza avventura nella nostra promotion che è cominciata a gennaio con un successo unanime su Moses Murrietta. In precedenza aveva cumulato un 3-2 in UFC.

Il libanese americano “The Sleek Sheik” (lo sceicco elegante) Homasi (13-8 con 9 Ko e 2 finalizzazioni, 2-2 Bellator con 1 Ko ed 1 finalizzazione) è al suo quarto rientro nella promotion e doveva combattere a Bellator 241 lo scorso marzo contro Paul Daley ma l’evento venne cancellato all’ultimo momento a causa pandemia. Il suo ultimo match risale quindi a Bellator 225 di quasi 1 anno fa (24 agosto 2019) quando mise Ko in soli 17 secondi Micah Terrill.

Sarà invece un catch weight al limite delle 150 libbre (68 KG) quello tra Adam “the kid” Borics e Derek “the stallion” Campos. L’ungherese Borics deve riscattare la prima sconfitta della sua carriera patita lo scorso gennaio contro Darrion Caldwell per finalizzazione. Ci era arrivato con 14 vittorie consecutive con 4 Ko e 6 finalizzazioni. È in Bellator dal 2017 dove ha maturato un record di 5-1 con 3 Ko e 2 finalizzazioni.

Campos invece di combattimenti nella nostra promotion ne ha già disputati ben 17 sui suoi 30 totali (20-10 il record con 6 Ko e 5 finalizzazioni messi a segno). È con noi dal 2012 ed ha conseguito per ora 9 vittorie, 3 delle quali prima del limite. Negli ultimi due match ha battuto Daniel Straus ai punti a Bellator 226 ed ha poi perso per finalizzazione al terzo round contro l’ancora imbattuto AJ McKee a Bellator 236. Da notare anche i suoi successi contro Brandon Gritz (2), il veterano di lungo corso dell’UFC Melvin Guillard e Derek Anderson.

È stato infine comunicato il primo match dell’under card che vedrà contrapporsi nei Pesi Mosca femminili Valerie “master” Loureda e Tara “the tiny terror” (il piccolo terrore) Graff. La Loureda, 22 anni, in forza all’American Top Team, è una ex nazionale USA di taekwondo (tutti nella sua famiglia sono cintura nera di quest’arte marziale) che ha dovuto abbandonare per curare la madre malata di cancro. Dopo il trapianto che l’ha salvata, rimasta tagliata fuori dal giro olimpico, ha deciso di mettersi alla prova nelle MMA esordendo come dilettante nel 2018. Come amateur ha vinto 2 match e ne ha perso 1 per split decision. Nel febbraio 2019 ha esordito da pro a Bellator 216 con una vittoria per Ko al primo round contro Colby Fletcher. Lo scorso 14 giugno ha invece battuto ai punti Larkyn Dasch a Bellator 222. Doveva già affrontare la Graff a Bellator 238 a gennaio ma dovette rinunciare per un infortunio. Negli Stati Uniti ha partecipato al reality sportivo “Exatlon Estados Unidos” ed è anche molto popolare sui social per le foto in cui mette in mostra il suo fisico da modella.

La Graff arriva invece dal Maryland e combatte dal 2015. Dopo una partenza difficile nei dilettanti ha chiuso quella fase col record di 5-5 con 5 Ko e due cinture all’attivo, in SFL ed in CZMMA. Ha debuttato da pro nel 2018 in KOTC (King Of The Cage) con un Ko al primo round su Marisol Ruelas mentre nel match successivo è stata sconfitta dall’ancora imbattuta Alibeth Milliron.